Printed from chabadroma.org

ChabadRoma Blog

Gli ultimi aggiornamenti sulle attività di Chabad Lubavitch a Roma.

Il Sefer Torà per il Popolo Ebraico alla Serata di gala della Fondazione Schneerson

Roma, Sabato sera, 28 Gennaio-4 Shevat duecento venti persone si sono reunite nei saloni dell’Hotel Excelsior per la serata di Gala della Fondazione Schneerson Chabad Lubavitch, in onore dei trentacinque anni della presenza del movimento a Roma. Il tema della serata era la gioia, gli ospiti hanno ricevuto un cd con la bellissima musica di Enrico Fink, che ha anche allietato la serata con la sua musica klezmer dal vivo, e un libretto su come vivere la gioia in vari ambiti della propria vita. L'introduttrice della serata era La Pina, conduttrice radiofonica di gran successo, a Radio Deejay.

Indubbiamente, l’evento più toccante e gioioso della serata è stata l’opportunità di scrivere una lettera in un Sefer Torà che ogni ospite ha avuto, abilmente aiutato dal Morè Pino Arbib e da Rav Yochanan Chayut, il rabbino della El Al. Il Sefer è sponsorizzato dall’El Al in onore dell’unità del popolo d’Israele, le prime lettere sono state scritte nell’ufficio del Rebbe di Lubavitch a 770 Eastern Parkway a Brooklyn, e le successive verranno scritte in varie città del mondo. Gli ospiti emozionati hanno atteso il loro turno pazientemente per partecipare a questa mitzvà memorabile.Sefer Torà per l'unità di Am Israel. Foto Benedetta Rubin

L’ospite d’onore della serata era Silvan Shalom, vice Primo Ministro dello Stato di Israele. Shalom ha parlato dell’impatto che il movimento Chabad Lubavitch ha nel mondo, e di come ha l’opportunità di conoscere gli emissari Chabad e di godere dei loro servizi nell’ambito dei numerosi viaggi che egli intraprende. Il vice PM ha anche ricordato di essere andato dal Rebbe di Lubavitch per chiedergli una benedezione quando era un candidato per la Knesset. Il Rebbe gli disse che c’è l’avrebbe fatta ad entrare in Knesset, e in effetti così fu. Infatti, ci sono trentadue membri della Knesset, Shalom risultò al numero 33 dopo le elezioni, e, siccome un membro eletto rassegnò le dimissioni, egli riuscì infine a diventare un membro della Knesset e a far carriera.Silvan Shalom al Gala della Fondazione Schneerson, foto Rav Menachem Lazar

Rav Gershon Mendel Garelik, Presidente del Mercos Chabad Lubavitch Italia mandato in Italia dal Rebbe di Lubavitch 53 anni fa ha onorato i presenti con le sue parole di auguri.

L’Ambasciatore di Israele Gideon Meir, che finisce il suo mandato questa settimana, ha salutato Rav Yitzchak e Sarah Hazan, ringraziandoli per la calorosa accoglienza dimostrata durante il loro mandato a Roma e dicendo che non c’era luogo migliore dove salutare gli Ebrei di Roma che a questo evento organizzato da Chabad, visto che il primo Shabbat trascorso a Roma l’ha passato proprio nella sinagoga della Agudà Ashkenazita dove Rav Hazan è il rav.

Il Presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, il Sindaco di Roma Gianni Alemanno e il Generale Eliezer Shkedy, Amministratore Delegato dell’El Al hanno salutato gli ospiti con brevi parole d’augurio.Il Generale Shkedy dell'El Al - Foto di Rav Menachem Lazar
Rav Shalom Hazan ha parlato abilmente del tema della gioia.

Rav Yitzchak Hazan ha lanciato l’appello con parole sentite, parlando dell’importanza del lavoro del movimento Chabad Lubavitch a Roma e incoraggiando i presenti ad aprire i loro cuori. 

I presenti hanno sentito molto la mancanza di Elie Mimmo Fadlun z'l, un grande sostenitore del movimento Chabad a Roma che è venuto a mancare diversi mesi fa. La moglie Ester, ha inviato una bellissima lettera di auguri che è stata letta nel corso della serata.

Tra gli altri illustri ospiti della serata: Dott. Federico Rocca, Consigliere Comunale, Dott.ssa Serena Forni – Ufficio Relazioni Internazionali del Sindaco di Roma, Dott.ssa Johanna Arbib, Presidente Mondiale del Keren HaYesod, Raffaele Sassun, Presidente Keren Kayemeth LeYisrael, Mauro Porcelli, Presidente Risorse di Roma.

Un grande chazak a tutti gli ospiti e a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della serata.

Per il catering: Mayer Bendaud, per i dolci: Pane al Pane, Boccione e BaGhetto Milky; per il pane: Antico forno del Ghetto; per i vini David Hassan, Bluma SRL. Per l’allestimento: Myriam Tedesco Genazzani. 

Per l’organizzazione: Edith Arbib Anav, Milly Barda Arbib, Deborah Di Castro Bokhobza, Miriam Brindisi, Miriam Barda Carucci-Viterbi, Deborah Guetta Di Porto, Myriam Tedesco Genazzani, Oshry Kahan, Tiziana Levi, Emma Halfon Sasson, Alessia Anticoli Shatz, Paola Safdie.

Simona Bendaud, Roberta Di Capua, David Limentani, Daniel Mimun, Izik Mimun, Simone Mimun, Sharon Naman, Alessandra Raccah, Gioia Raccah, Giulia Raccah, Benedetta Rubin, Simona Bendaud e Graziella Zarfati.

Foto di Rav Menachem Lazar e Benedetta Rubin 

Condividiamo la dolcezza della challà

Questo il titolo della serata di ieri sera, organizzata da Chani Hazan, co direttrice di Chabad Lubavitch di Monteverde nell’ambito delle attività del Gruppo Donne di Monteverde. Una tavola di Shabbat splendidamente decorata con diversi tipi di challòt preparte da Chani ha dato il tono all’evento.

Cinquanta donne e ragazze hanno partecipato a questa serata speciale, ascoltando la lezione interessante di Chani che ha parlato dell’importanza della mitzvà di challà, ha impartito le halachòt, le regole inerenti e narrato diverse storie di persone che hanno visto numerose benedizioni grazie all’osservanza di questa mitzvà importante.

Le partecipanti si sono poi recate ai loro posti di lavoro, dove hanno trovato tutto ciò che le serviva per preparare l’impasto della challà, la ricetta, gli ingredienti, le bacinelle ecc. Ogni donna ha preparato due challòt, una da portare a casa, e l’altra è stata donata a un’organizazzione che distribuisce pasti di Shabbat a numerose persone bisognose ogni settimana.

Nelle parole di una delle partecipanti: "Cara Chani, non ho mai preparato una Challà così buona! Ieri sera ho scoperto degli ingredienti che probabilmente dimenticavo di usare: la condivisione l'allegria e l'amore . Grazie a te e alla tua infinita dolcezza da oggi la mia ricetta sarà finalmente completa. Un abbraccio"

Chazak a Chani per l’organizzazione e a tutte le partecipanti! Alla prossima. 402589_3060536469657_1150780673_3295808_919710516_n.jpg

395263_3060530749514_1150780673_3295786_790886058_n.jpg 399946_3060530989520_1150780673_3295787_662822557_n.jpg395263_3060530749514_1150780673_3295786_790886058_n.jpg

Foto di Valentina Efrati e Miriam Sheila, per ulteriori foto clicca qui

 

Nuovo Ciclo di Studi a Piazza Bologna

Chabad Giovani è orgoglioso di presentare un nuovo ciclo di studi di Torà.

Si tratta di un programma di studi che si basa su di una serie di testi e di dibattiti stimolanti all'interno degli incontri che si svolgeranno settimanalmente ogni martedì sera al Beth Shmuel.

Le nostre lezioni vi impegneranno in un modo multidimensionale, sfidandovi intellettualmente, spiritualmente ed emozionalmente. Si esploreranno argomenti alla luce della Torah affrontando domande della tradizione ebraica.

Vi invito a dare un'occhiata agli argomenti contenuti in questo programma e ad unirvi a noi per questi studi di grande spiritualità. In questa stagione offriremo lezioni nelle imminenti ferie ebraiche – Tu B'shvat, Purim e Pesach.

Le lezioni sono aperte a tutti, qualsiasi sia il vostro livello di apprendimento, e vi incoraggiamo a portare i vostri amici con voi.

Shalom, 
Rav Menachem Lazar chabadgiovani@chabad.it

Le lezioni per il prossimo mese: 

Martedì 17 gennaio, 22 Tevet
Perché, ti ringrazio 

La prospettiva ebraica sulla gratitudine 
Le domande di questa lezione sulla ragione per cui D-o ha premiato un monarca tiranno e presenta contrariamente a quanto si potrebbe pensare, un approccio alla gratitudine che primeggia al di là di qualsiasi intento.

Martedì 24 gennaio, 29 Tevet
Qualità al di sopra della quantità 
Sfruttare al massimo il tuo tempo
Come trascorri il tuo tempo? Questa lezione riguarda le tradizionali tecniche di gestione del tempo, per scoprire il profondo valore che giace assopito nelle cose che già facciamo. 

Martedì 31 gennaio, 7 Shvat

Come fare perché gli altri pensino a se stessi? 

Leaders creano altri leaders! La lezione esamina gli approcci alla leadership e l'acquisizione di potere data dall'osservanza di Mose, il primo leader ebreo. 

Grande Successo alla lezione di Rav Hazan

La scorsa domenica Rav Yitzchak Hazan ha tenuto una lezione al Centro Rauchman in Via Cesare Balbo 33, nell'ambito dei corsi del Progetto Talmud sull'argomento de: "la Formazione del Popolo d'Israele".

Più di sessanta persone hanno partecipato alla lezione che è stata dedicata alla memoria di Laura Amati, z"l dalla famiglia.

Rav Hazan ha esaminato i motivi per il quale Moshè Rabbenu è scappato dall'Egitto al paese di Midian in particolare. Questo perché era necessario al compimento della sua missione in questo mondo, infatti, l'anima diYitrò, suocero di Moshè, era una reincarnazione dell'anima di Caino, mentre l'anima di Moshè era una reincarnazione di Hevel. Il periodo che Moshè trascorse a Midyan ha permesso a Moshè di rettificare l'anima di Caino, e aperto la strada alla conversione di Yitrò. Rav Hazan si è poi soffermato sul significato dell'Egitto e della sua rilevanza nella vita di tutti noi.

La famiglia ha poi offerto un grande rinfresco in memoria della Signora Amati z"l.

Il prossimo appuntamento del Progetto Talmud è per il 29 Gennaio con Rav Shalom Hazan. La lezione è dedicata in memoria di Zalu Sufir z"l, in onore della prima azkarà.

È possibile dedicare le lezioni del Progetto Talmud (gratis) in memoria o in onore di un caro. Per informazioni contattare Rav Hazan info @chabadroma.org or 06.8632.4176.

 

Per altri posti clicca sul link 'archivio' a destra..