Printed from chabadroma.org

ChabadRoma Blog

Gli ultimi aggiornamenti sulle attività di Chabad Lubavitch a Roma.

Rav Hazan Augura Shanà Tovà

B”H

Cari Amici,

In una delle preghiere di Rosh Hashanà, diciamo: “Regna su tutto il mondo con il Tuo onore”, “melóch al haolam kulò bichvodecha.”

Come mai chiediamo al Sign-re di regnare su tutto il mondo? Perché Rosh Hashanà è il giorno della creazione dell’uomo, dell’umanità intera, ed in questo giorno D-o giudica tutti gli esseri umani, Ebrei e Gentili. Perciò è giusto pregare per il benessere del mondo in questo giorno propizio, con la speranza anche, che tutti accettino la maestà del Sign-re, il Re dell’universo.

Mi soffermo un attimo sulla preghiera, visto che è un’attività che prenderà molto del nostro tempo durante le due giornate di Rosh Hashanà. La parola ebraica per preghiera, tefillà, significa connessione, infatti tramite la tefillà ci uniamo al Sign-re, il nostro Creatore. Questi giorni solenni sono momenti propizi, quando la connessione è più sentita e il nostro destino per l’anno viene esaminato e deciso.

Apriamo i nostri libri di preghiera qui sotto, allo stesso tempo che i libri del nostro destino sono aperti in Cielo. È auspicabile quindi che si preghi con attenzione, concentrazione e devozione con la certezza che sicuramente il Sign-re ascolterà le nostre richieste, come è scritto “Shomea tefillòt amcha Israel berachamìm” “Ascolta le preghiere del tuo popolo Israel con misericordia”. Siamo certi che Hashem accetterà tutte le nostre preghiere ed è con questa certezza che ci approcciamo alla tefillà di Rosh Hashanà, il servizio del cuore, con gioia.

Il Rebbe di Lubavitch insegna che il desiderio che l’essere umano ha per cose materiali può essere radicato nella profondità della propria anima. Nonostante forse non si è consci della motivazione spirituale dei desideri materiali, considerandoli magari fisiologici o psicologici, trovando pure vari motivi per spiegare cosa si desidera e perché, effettivamente però, è una forza più profonda che sprona la nostra volontà. Come mai un ebreo desidera figli, oggetti o successo materiale? Perché la sua anima ha il desiderio inespresso di compiere lo scopo Divino collegato a queste benedizioni apparentemente materiali.

Chiediamo quindi, le benedizioni Divine per cose materiali e spirituali, preparando un ricepiente ad accogliere le Sue benedizioni, ovvero incrementando lo studio della Torà, delle buone azioni e della tzedakà, le tre colonne che mantengono il mondo come è scritto nelle Massime dei Padri.

Stiamo per inaugurare l’anno 5773, tav, shin, ayin gimmel, gimmel come gadòl, grande, che questo sia un anno grande, materialmente e spiritualmente.

Auguro a tutti un anno di buona salute, una lunga vita e una pronta guarigione a chi ne ha bisogno, prosperità, gioia e solo buone cose, che quest’anno segni la fine di tante sofferenze per gli Ebrei di Roma e per tutti, l’inizio di una nuova era con l’avvento di Mashiach, presto nei nostri giorni amen.

Shanà tovà umetukà,

Rav Ytzchak Hazan

Chabad Lubavitch di Roma

PS. Come ogni anno offro l'opportunità di fare le kapparòt prima di Kippur, donando i soldi ai bisognosi in Israele. È possibile contribuire online tramite paypal o carta di credito al link: http://www.chabadroma.o/1859369 oppure lasciare una busta a casa mia, al Kosher point in Via G Boni, al Gan Chaya o il Gan Rivkà. 

Spero di vedervi tutti il 23 Settembre alla Giornata di Studio.

Tati.jpg 

Pienone alla Serata Full Immersion

Full Immersion: Prepariamo la mente, il cuore e l'anima per il nuovo anno. Questo il tema della serata di ieri sera, un evento che ha coinvolto cento donne da tutta Roma nella splendida cornice di una casa Romana in centro in un'atmosfera unica e speciale. La signora Sarah Hazan, co-direttrice di Chabad Lubavitch a Roma e organizzatrice della serata, ha scelto la data del 25 Elul poiché è un giorno significativo essendo il primo giorno della creazione del mondo come pure a causa della sua prossimità con i giorni solenni di Rosh Hashanà e Kippur.

All'inizio della serata le ospiti hanno potuto vedere e toccare diversi esempi di addobbi e decorazioni per la tavola, preparati dalla party planner Myriam Tedesco, che ha poi spiegato e presentato come formare alcune decorazioni per decorare la tavola per le festività imminenti con una presentazione molto interessante.

Myriam T.JPG 

Dopo una cena deliziosa preparata da Milly Arbib e Mayer Bendaud, ha avuto inizio la lezione. Introdotta da Sarah Hazan che ha parlat, tra l'altro dei trei pilastri che sostengono il mondo, menzionati nelle Massime dei Padri, ovvero la Torà, il servizio Divino e le opere di bontà e che particolarmente in tempi difficili è necessario rafforzarsi in queste tre aree. Perciò le donne hanno recitato un salmo tutte assieme e contribuito soldi in tzedakà, una raccolta che verrà interamente devoluta a persone bisognose a Roma e in Eretz per aiutarle a far fronte alle spese di questo mese festivo di Tishrei.image_1347401859545496.JPG

L'ospite d'onore la Signora Bassie Garelik, venuta appositamente per questa serata da Milano, ha poi preso la parola, affascinando il pubblico con il suo modo di parlare travolgente, commovente e denso di significato e studio.

La Signora Garelik ha parlato delle tre categorie del tema della serata, esplorando il concetto dello Shabbat in corrispondenza dell'anima, quello delle primizie relative alla mente e alla parashàt Ki Tavò. Infine ha condiviso le sue parole coinvolgenti sulla vita matrimoniale ebraica.image_1347401827951721.JPG

La serata si è dovuta concludere a causa dell'ora tarda, altrimenti sarebbe potuta continuare per ore...nelle parole di Carole Sasson una delle partecipanti: "Bellissima serata...grazie a chi ci ha aperto casa e ci ha offerto una gran cena, grazie a chi ha organizzato e ideato l'evento. Grazie a Myriam e alla Morà Garelik, per aver reso così piacevole ed interessante un momento di studio e di riflessione." Abbondano le richieste per il bis...

Un sentito grazie e chazak a coloro che hanno reso possibile questa serata. A Milly e Vito Arbib per la squisita ospitalità e la cena deliziosa, a Mayer Bendaud per l'ottimo cibo.  Alla Signora Garelik per aver dato di se stessa per questa lezione indimenticabile. A Myriam Tedesco della Rosa Bianca per le bellissime tavolate e per le buonissime idee che ci ha dato. Grazie a Martine Leotardi e tutte le signore che hanno preparato i dolci deliziosi.

Grazie a Zelda Leotardi per la grafica della pubblicità per la serata.  A Sarah Hazan per l'organizzazione. a Grazie a Merlyn Bendaud, Miriam Brindisi, Chana Hazan, Rita Kahlun, Rivkie Lazar e Claudia Sermoneta per aver inviato le foto dell'evento in diretta.

Shanà tovà e..alla prossima se D-o vuole. 

Clicca qui per altre foto. 

Per altri posti clicca sul link 'archivio' a destra..